impresa partner unicredit    facebook linkedin Scarica l'App dall'App Store android-2!-- banner ebook piccoli6 -->

Blog: impREsa informa

Agevolazioni fiscali ristrutturazione in tema di sicurezza

casa-ladro

Ristrutturazione casa: le agevolazioni fiscali per la sicurezza nelle nostre case

La legge di Bilancio 2018 in esame in questi giorni di novembre in Senato concede una proroga per le agevolazioni fiscali rientranti nel bonus ristrutturazioni. Salvo sorprese, ci sarà infatti una detrazione dell'IRPEF del 50% delle spese sotenute fin al 31 dicembre 2018 per un massimo di 96.000 € per unità immobiliare, per interventi di ristrutturazione, tra cui quelli riguardanti la sicurezza. 

 

Gli interventi sulla sicurezza rientrano, infatti, nelle agevolazioni fiscali per ristrutturazioni (vedi anche i nostri articoli dedicati agli altri bonus casa 2017  Ecobonus: aggiornamenti dall’Agenzia delle Entrate    e  Adeguamento sismico e Sisma Bonus 2017) come "interventi relativi all’adozione di misure finalizzate a prevenire il rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi", quali ad esempio il furto e aggressione. Negli ultimi anni vi è stato una flessione dei furti in abitazione (nel 2016 se ne sono registrati 214.000 secondo il dipartimento per la Pubblica sicurezza del ministero dell’Interno - fonte Sole 24 0re ) ma in Italia il numero è rimasto ancora alto (nel 2015 il nostro Paese era al 6° posto in Europa). Dunque, per chi ritiene opportuno mettere in sicurezza la propria casa attraverso lavori di rafforzamento, sostituzione, installazione è il momento più adatto per farlo ora o nei prossimi mesi.

 

Gli interventi per la sicurezza che rientrano nelle agevolazioni fiscali ristrutturazione

Cancellate o rafforzamenti murari 

grate sulle finestre

porte blindate o rinforzate

serrature, lucchetti, catenacci, spioncini

saracinesche

rilevatori di apertura e di effrazione sui serramenti

tapparelle metalliche con bloccaggi 

vetri antisfondamento

casseforti a muro

impianti di videosorveglianza

impianti di antifurto

 

Rientrano nelle spese detraibili:

spese per la progettazione e per le altre prestazioni professionali connesse;
spese per l’acquisto dei materiali;
compenso corrisposto per la relazione di conformità dei lavori alle leggi vigenti;
Iva

 Chi ha diritto alla detrazione

Ha diritto alla detrazione anche chi è in affitto e ha sostenuto le spese di intervento. Ha diritto alla detrazione anche il familiare che convive con il possessore o detentore dell'immobile (ad esempio coniuge, il componente dell'unione civile, parenti entro il terzo grado e affini entro il secondo) e il coniuge separato assegnatario dell’immobile intestato all’altro coniuge, a patto che la spesa sia a loro carico e sia a loro intestata nei bonifici e fatture.

Modalità di detrazione

La richiesta dell'agevolazione fa riferimento alle spese sostenute nell'anno così come è annuale il limite massimo di 96.000 € di spesa. 
La detrazione viene ripartita in 10 quote annuali di pari importo.

Modalità di pagamento delle spese

E' necessario pagare le spese con bonifico bancario o postale dove siano indicati: causale, codice fiscale di chi paga, codice fiscale o numero di partita Iva del beneficiario.

Come richiedere l'agevolazione

Attraverso la dichiarazione dei redditi relativa all'anno delle spese (dunque dichiarazione dell'anno successivo), dove andranno indicati i dati catastali dell'immobile. E' necessario inoltre conservare tutti i documenti relativi ai lavori da esibire, in caso di richiesta, agli uffici competenti.