impresa partner unicredit    facebook linkedin Scarica l'App dall'App Store android-2!-- banner ebook piccoli6 -->

Blog: impREsa informa

Social Street

Social Street: da Bologna all’estero

Cosa sono le Social Street

Cosa sapete del vostro vicino? Il suo nome, quello della moglie e dei figli e magari quello del suo cane. Sapete bene che urla durante le partite di calcio e che suo figlio più piccolo piange alle ore più improbabili. Che altro?

In via Fondazza a Bologna nasce la prima Social Street nel settembre 2013. Si tratta di un gruppo chiuso di Facebook a cui sono iscritti gli abitanti di via Fondazza per scambiarsi informazioni, professionalità, darsi una mano reciprocamente, organizzare momenti di aggregazione. Ideatore e fondatore è il giornalista e esperto di comunicazione Federico Bastiani. Da via Fondazza si sono create altre Social Street in tutta Italia e all'estero.

 

Social Street: cosa si condivide

Se vi è capitato di rimanere con la batteria della macchina esaurita imprecando perché non sapete chi chiamare; se non sapete a chi affidare i vostri bambini o a chi chiedere qualche ripetizione; se avete bisogno di un idraulico o qualche altro professionista o volete rendervi utile facendo la spesa a qualche vicino anziano, far parte di una Social Street potrebbe fare al caso vostro.

 

Social Street: gratuità dello scambio

Gli scambi di favori anche professionali sono al 90% gratuiti, fanno parte del sistema di sharing delle Social Street. Addio menefreghismo che caratterizza i nostri tempi, chi vuole aprirsi agli altri oggi può. E se non amate la tecnologia non importa: quando si stabilisce una simile rete di relazioni diventa facile incontrarsi, scendere per strada e interagire bypassando così anche il web.
Come è venuta a Federico Bastiani l'idea di una Social Street? Sul suo sito http://www.federicobastiani.org Bastiani racconta che l’idea gli è balenata vedendo suo figlio giocare sempre da solo pur essendoci altri bambini nella strada.
E proprio la strada ridiventa luogo di aggregazione, le social street sono un fenomeno italiano che ha varcato i confini nazionali.
Come dice l'ideatore della Festa dell'Amicizia nell'America meridionale, Enrique Ernesto Febbraro:


"quando piove divido il mio ombrello, se non ho l’ombrello, divido la pioggia”.